Giovedì 25 Gennaio 2018
Stampa

Comunicato Stampa

Etty Hillesum, maestra di vita. Da Amsterdam ad Auschwitz

Dal 27 gennaio all’8 marzo una mostra sulla giovane pensatrice morta in un campo di sterminio

22 Gennaio 2018 – La mostra «Etty Hillesum maestra di vita. Da Amsterdam ad Auschwitz» arriva ad Olbia. A cura di Pier Giorgio Carizzoni, è organizzata dall’Associazione Culturale Italo Tedesca di Olbia e dall’Associazione Culturale Dioniso di Milano, in collaborazione con l’Associazione Prospettiva Donna centro antiviolenza, grazie al contributo e al patrocinio della Regione Sardegna, dell’Ambasciata dei Paesi Bassi e del Comune di Olbia. La mostra sta a cuore a tutta l’Amministrazione Comunale, in una collaborazione volta alla buona riuscita di questo evento che approda per la prima volta nell’isola e che ha un alto valore storico-culturale.
«Siamo felici che Etty sia presente in questi giorni nella nostra comunità. - afferma l’Assessore alla Cultura Sabrina Serra - Quest'anno onoriamo il Giorno della Memoria attraverso il suo ricordo. Non solo ospitiamo l’importante, intensa e toccante mostra; allo stesso tempo nelle nostre scuole i giovani leggono, studiano, ascoltano le parole e i pensieri di Etty. Spero che i racconti e le immagini arrivino nel profondo di tutti e che i ricordi degli orrori della Storia aiutino a costruire un futuro di giustizia e pace».
Dopo aver fatto tappa a Venezia, Vo’ Euganeo, Milano e Copertino, sarà inaugurata al museo archeologico di Olbia sabato 27 gennaio alle 18; interverranno, insieme agli enti promotori, anche il curatore Pier Giorgio Carizzoni e Aart Heering dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi. La mostra potrà essere visitata a partire dal 27 gennaio, Giornata della Memoria, fino all’8 marzo, Giornata internazionale della donna. L’esposizione, composta da una cinquantina di immagini provenienti dall’archivio del Museo della Storia Ebraica di Amsterdam, è dedicata alla figura della giovane ebrea olandese Etty Hillesum, geniale e libera pensatrice morta ad Auschwitz nel 1943.
L’ACITOLBIA, il giorno dell’inaugurazione, presenterà il recital originale «Etty, una rosa nel campo» liberamente tratto dalle lettere scritte dalla pensatrice e scrittrice olandese. «La manifestazione – afferma Cristina Ricci, presidente dell’ACIT - riveste, sia per i contenuti, sia per le collaborazioni prestigiose, un alto valore culturale e morale ed è motivo di orgoglio realizzarla a Olbia, la città dove siamo attivi da 25 anni».
L’iniziativa, che coinvolge anche gli studenti e le studentesse degli istituti superiori della Gallura, rientra all’interno del progetto «Sas: Sardegna a scuola», di cui l’Associazione Prospettiva Donna è soggetto capofila, finanziato dall’Assessorato alla cultura della Regione Sardegna. L’evento è organizzato nell’ambito di un ampio percorso di formazione portato avanti nelle scuole sulla violenza di genere. «La mostra – spiega Patrizia Desole, presidente di Prospettiva Donna –rappresenta un’opportunità unica per fare un viaggio simbolico, emozionante, che permetterà agli studenti e alle studentesse a tutti i visitatori di immergersi nel pensiero e nella vita di questa straordinaria donna, emblema della non violenza». 
Il progetto «SaS» si concluderà con un convegno dal titolo  «Le radici della violenza. Etty Hillesum: lezioni di umanità», in programma non a caso il prossimo 8 marzo, in occasione dell’appuntamento culturale «L’8 Donna», organizzato da Prospettiva Donna. L’associazione, insieme agli altri centri antiviolenza della Sardegna, è impegnata da anni nella promozione di un cambiamento culturale e nella trasformazione di un pensiero che metta al centro il rispetto fra uomini e donne e il valore delle specificità e della tolleranza.