Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Comunicati Stampa Il Comune di Olbia entra a far parte dell’anagrafe unica nazionale

Il Comune di Olbia entra a far parte dell’anagrafe unica nazionale

E-mail Stampa PDF

Comunicato Stampa

Il Comune di Olbia entra a far parte dell’anagrafe unica nazionale

1 GIUGNO 2018 – A partire dal 17 Maggio scorso Olbia è entrata a far parte dei comuni pienamente operativi nell’ambito dell’anagrafe nazionale della popolazione residente (A.N.P.R.), importante progetto nato con l’agenda “Italia Digitale” che accorperà i dati delle ottomila anagrafi dei Comuni Italiani, costituendo un riferimento unico per tutta la pubblica amministrazione.

Il comune di Olbia è il primo Comune subentrato a livello regionale con popolazione superiore ai 50.000 abitanti, il primo Comune della Provincia di Sassari e tra i primi 160 Comuni in Italia.
L’ANPR non è solo una banca dati ma un sistema integrato che consente ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici, consultare o estrarre dati, monitorare le attività, effettuare statistiche.
Tale sistema consente quindi un efficientamento del servizio, poiché evita duplicazioni di comunicazione con le Pubbliche Amministrazioni, garantisce maggiore certezza e qualità al dato anagrafico e semplifica le diverse operazioni, tra le quali i cambi di residenza, le emigrazioni, le immigrazioni e i censimenti.

«ANPR è sicuramente una tra le innovazioni tecnologiche più importanti, assieme alla carta d’identità elettronica, realizzate negli ultimi anni dalla pubblica amministrazione; – afferma il Sindaco Settimo Nizzi e prosegue – grazie all’ANPR i nostri concittadini possono ora richiedere in ogni momento la stampa dei certificati da altri comuni subentrati. Con questo sistema migliorano i rapporti non soltanto tra Comuni, ma tra tutte le amministrazioni locali e centrali come Agenzia delle Entrate, Sanità, Motorizzazione e gli enti come Inps e Inail, consentendo uno scambio immediato e continuo delle informazioni, azzerando i problemi derivanti dall’esistenza di dati difformi e riducendo notevolmente i tempi di conclusione dei procedimenti».